Anselm Kiefer, Gli ordini della notte.

È uno degli artisti tedeschi più conosciuti e di maggior successo dopo la seconda guerra mondiale .

Anselm Kiefer ha studiato arte come discepolo di grandi maestri, alludo a nomi come Peter Dreher e Horst Antes . Ha iniziato la sua carriera facendo scandalo, quando ha celebrato Hitler, come parte di un’esibizione documentata fotograficamente, in varie località d’Europa .

Il suo lavoro dopotutto fu sempre influenzato dai temi della storia e della cultura tedesca, dall’ Hermannsschlacht al nazionalsocialismo , che culminarono con l’ Olocausto e la distruzione della cultura ebraica in Germania.

Kiefer è considerato un innovatore della pittura di storia e grande illustratore di disastri storici: in generale, i miti, i libri e le biblioteche tradizionali sono tra i suoi soggetti preferiti e fonte della sua ispirazione. Le influenze letterarie, in particolare di Paul Celan e Ingeborg Bachmann , si riflettono nei suoi lavori, eseguiti negli anni centrali del suo operato.

Mentre nell’ultima fase ha ampliato lo studio dei miti per includere le culture e le cosmogonie giudeo-cristiane, egiziane e orientali . Come artista del figurativo, cerca e trova le sue fonti per l’interpretazione del mondo; e le prende in prestito seguendo la rappresentazione dell’incomprensibile e del non rappresentabile.

Nel 1995, Kiefer iniziò a incorporare nuovamente la figura umana nelle sue opere. In diversi lavori eseguiti tra il 1995 e il 1996, è visto steso a terra come se fosse un cadavere. Ne I famosi ordini della notte (Die berühmten Orden der Nacht, 1997), si ritrae come una figura solitaria distesa su un terreno arido e screpolato, sotto l’immensa coltre di stelle.

Kiefer è affascinato dal cielo notturno e dalle diverse interpretazioni che ha avuto nel corso della storia, in particolare quelle che lo descrivono come un regno divino e misterioso che ricorda le nostre origini e il nostro destino.

La “spiritualità”, spiega l’artista, “consiste nel connettersi con le conoscenze più antiche e nel cercare di scoprire una continuità nei motivi per cui cerchiamo il paradiso. Il paradiso è un’idea, una parte dell’antica conoscenza “.

Die berühmten Orden der Nacht, Acrilico e emulsione su lino 1997, Guggheneim, Bilbao.

Il distendersi, come un corpo morto, sulla terra arida, ma sotto un cielo stellato è la rappresentazione dell’unione tra lo spirito e la natura ultraterrena; è l’uomo che si trasfigura e diventa un tutt’uno con l’universo. Gli Ordini della notte, realizzata un anno prima cambia la scena e non la sostanza: questa volta a fare da sfondo vi sono dei girasoli giganti e neri. Il cielo è escluso dalla scena, e il rapporto sembra mettere in correlazione l’uomo con la madre terra. Due opere di grande rilievo.

Die Order der Nacht, 1996, Royal Academy of Arts, Londra.

Un pensiero riguardo “Anselm Kiefer, Gli ordini della notte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...